L' INVERNO IN LESSINIA...

...MERAVILGIOSO!
Ieri si è svolto il giro più bello ed impegnativo che personalmente (ma anche sentendo i miei compagni di avventura) abbia fatto!


Dico questo per 3 motivi principali: i panorami visti, il paesaggio che cambiava continuamente e la durezza del percorso...si è vero, abbiamo faticato, ma la soddisfazione al rientro è stata ENORME!

Come da scambio messaggio da un paio di giorni tra me e Mirko, la giornata era già programmata, io ho pensato al percorso e alla fine l' ottima notizia della compagnia del grande Simone (grande in tutti i sensi)...allora come detto percorso disegnato, quindi si parte in direzione Erbezzo per la classica strada Maioconi-Portello, devo dire che è stata una giornata presa con lo spirito giusto fin dall' inizio, il passo tenuto è stato veramente spensierato e amichevole, nel senso che non ci siamo dannati l 'anima, anzi avevamo anche il fiato di scambiare 4 "ciacole", infatti per arrivare ad Erbezzo al primo break, ci abbiamo impiegato 1 ora e mezza, ed è così che secondo me vanno prese queste giornate, avere il tempo di guardare il paesaggio che cambia ed i panorami che abbiamo in Lessinia...



Ripartiamo ad Erbezzo muniti di panino per la pausa pranzo che sarebbe stata a Malga Lessinia, allora via in sù, dopo contrada Sale svoltiamo a sinistra e prendiamo il sentiero che ci porta a Malga Dardo e da lì proseguiamo senza tregua ma sempre con passo lento verso Malga Lessinia, man mano si saliva la neve si faceva più intensa, tanto chè in un tratto prima del bivio "del Piocio" siamo costretti a salire a piedi pere non entrare in modalità criceto!!!



Bene, allora pausa panino, foto di rito meritevoli e vestizione per la discesa!


La discesa che andremo ad affrontare sarà quella dell "fontana degli alpini" presa proprio incima da Malga Lessinia, quindi bella lunga e tosta, in questo caso anche scivolosa con tratti innevati e ghiacciati, infatti è quì che succede il malanno, nulla di chè, ma ero munito di videocamera sapendo che con la giornata svolta ne sarebbe uscito un bellissimo video ricordo, ma a metà discesa, una scivolata sulla neve mi fà cadere, ero a bassa velocità, però guarda caso la sfiga ha voluto che proprio sotto ci fosse un sasso, quindi oltre alla botta sul ginocchio, mi si è rotto l' attacco della videocamera e aimè il video arriva fino lì!!!

Portate pazienza per i fastidioso rumore dei freni, ma i dischi erano molto bagnati ;-)



Arrivati in fondo alla discesa, risaliamo la foresta dei Folignani fino al bivio che indica Bocca di Selva, quindi tra lastroni di ghiaccio e soffice neve, ascendiamo fino al rifugio dove ci attende un buon caffè prima della lunghissima discesa finale.
Bene, si riparte per tornare a casa, ormai sono le 15 e il buio arriva in fretta, salutiamo Simone che decide di rientrare per asfalto in quanto molto stanco non vuole rovinare questa bella giornata magari con una caduta da stanchezza, comunque devo fare i COMPLIMENTI per la tenacia e l' entusiasmo messo oggi, bravo DALDO!


Io e Mirko partiamo e scendiamo dal Baito dei Pastori, Scandole, Boscochiesanova, PS3 (Boschi di Bosco) e finale esplosivo con il Delma!

Arrivati a Lugo siamo stanchi, ma con una stretta di mano ci siamo guardati negli occhi, e vi garantisco luccicavano di gioa!!!




Uscita da ricordare e da riproporre, magari nel periodo primaverile/estivo, ma vi garantisco che merità anche in inverno, ovviamente se si trova clima accettabile e non tantissima neve!!!


Posta un commento

[facebook][blogger]

Teste di Marmo

{facebook#https://www.facebook.com/tdmarmo} {twitter#https://twitter.com/TestedMarmo} {google-plus#Yhttps://plus.google.com/b/108896942803759527538/+TestedimarmoIt} {youtube#https://www.youtube.com/channel/UCM5lDMQsrbIBtvcdHuhbwSw} {instagram#https://instagram.com/testedimarmo/}

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Powered by Blogger.
Javascript DisablePlease Enable Javascript To See All Widget